L’accettazione è il negozio per mezzo del quale l’erede acquista il diritto all’eredità con effetto dal giorno dell’apertura della successione. Per accettare è necessaria la capacità di agire, gli incapaci devono quindi essere assistiti o rappresentati.

Vi sono più tipologie di accettazione di eredità:

Accettazione di eredità Espressa

In un atto pubblico o in una scrittura privata la persona interessata assume il titolo di erede o dichiara di accettare l’eredità (ad es. in una dichiarazione notarile).

Accettazione di eredità Tacita

Il chiamato all’eredità compie atti che presuppongono la sua volontà di accettare e che solo un erede avrebbe il diritto di compiere, ad es. alienazione di cose di pertinenza dell’eredità o sottrazione di beni ereditari.

In entrambe le ipotesi si produce al momento dell?accettazione la confusione tra il patrimonio del defunto e quello dell’erede; l’erede risponde così dei debiti e dei legati ereditari anche se superano l’asse ereditario.

L’accettazione dell’eredità non può essere legata a condizioni o termini, ed essa è irrevocabile. Un’accettazione parziale dell’eredità non è possibile.

Accettazione di eredità Con beneficio d’inventario

Avviene mediante dichiarazione ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale. Con questo tipo di accettazione l’erede impedisce la confusione tra il suo patrimonio e quello del de cuius, eredità e patrimonio dell’erede restano separati, cosicché i debiti ereditari devono essere pagati solo entro il limite del valore dei beni patrimoniali ereditati. Rappresenta la soluzione migliore nel caso in cui non si conosca con esattezza l’ammontare dei debiti ereditari.

E’ la forma di accettazione obbligatoria per gli incapaci, i minorenni e le persone giuridiche.

L’accettazione dell’eredità deve avvenire entro 10 anni dalla data del decesso del testatore.

Ogni persona che vi abbia un interesse di natura economica può tuttavia chiedere al tribunale che per le persone chiamate all’eredità venga fissato un termine più breve per l’accettazione, trascorso il quale il diritto di accettazione si estingue.

Un’eccezione è costituita dall’accettazione col beneficio di inventario, qualora il chiamato all’eredità sia in possesso di beni ereditari. In questo caso l’inventario (cioè la separazione dei beni derivanti dal testatore da quelli già di proprietà dell’erede) deve essere fatto entro 3 mesi dalla morte del testatore, e l’accettazione deve avvenire entro i 40 giorni successivi.

Accettazione dell’eredita’

E’ un negozio giuridico unilaterale che consente al chiamato di acquistare l’eredità aderendo alla chiamata ereditaria. L’accettazione può essere pura e semplice, quando il chiamato dichiara di accettare l’eredità così com’è, oppure con beneficio d’inventario ( art. 470 c.c.).

Beneficio d’inventario

Rappresenta una modalità in cui può avvenire l’accettazione dell’eredità. Permette al chiamato di acquistare l’eredità senza che i suoi beni personali si confondano con quelli del defunto ( art. 484 c.c.).

Dichiarazione di successione

La dichiarazione di successione si apre al momento della morte. Se il defunto non ha predisposto un testamento gli eredi, i legatari, i tutori o i curatori dell’eredità, gli esecutori testamentari o le persone che per effetto della dichiarazione di morte presunta dell’erede sono immessi nel possesso dei beni sono tenuti a presentare la dichiarazione di successione entro dodici mesi dalla data del decesso all’ufficio del Registro competente in base all’ultima residenza del deceduto.

L’imposta sulle successioni, dal 25.10.2001, è stata soppressa, indipendentemente dal valore dell’asse ereditario e del grado di parentela tra defunto e beneficiari, pertanto tale obbligo resta solamente se nel patrimonio ereditario sono inseriti beni immobili o diritti reali sugli stessi, ed in tal caso restano ancora dovute le imposte ipotecarie e catastali, determinate rispettivamente nel 2% e nell’1% del valore dei beni stessi; nel caso in cui sussistano in capo agli eredi le condizioni per godere dei benefici per la prima casa, tali imposte devono essere corrisposte nella misura fissa di Euro 168,00( – ).

Ulteriore semplificazione prevista è data dal fatto che l’erede è esonerato, per gli immobili inclusi nella dichiarazione di successione, a presentare la dichiarazione ai fini dell’Imposta Comunale sugli Immobili.

Interessante è ricordare che a seguito della citata soppressione dell’imposta di successione, la dichiarazione di essa non contempla più aziende, quote societarie, conti correnti e deposito titoli e quant’altro, ma, esclusivamente beni immobili.

Molti Istituti di Credito per svincolare somme intestate al de cuius, posta l’assenza di esse nella dichiarazione di successione, pretendono la stesura di atto notario che certifichi i dati della morte, l’identificazione degli eredi con il loro grado di parentela nei confronti del defunto e varie altre situazioni volta a volta mutevoli.